TENKARA TRY 390 7:3 by TenkaraTimes

Poco più di un mese fa sono stato contattato da Oleg, gestore del sito Tenkara Times, per testare l’ultima sua creazione, la TENKARA TRY. Non nascondo un po’ di orgorglio nel essere stato scelto come tester per questa canna ed ho ovviamente accettato molto volentieri. Sono disponibili due versioni: 3,60 m azione 6:4 e 3,90 m azione 7:3. Ho scelto quest’ultima non avendo mai avuto la possibilità di pescare con una canna con questo genere di azione.  La canna viene fornita con tubo portacanne recante il logo del produttore ed un fodero particolarmente interessante e diverso da quanto visto finora per tutte le altre tenkara. Si tratta di un fodero in tessuto elastico con un’apertura laterale che permette quindi di riporre rapidamente la canna senza necessità di utilizzare i lacci di chiusura.

La canna ha buone rifiniture e la caratteristica che colpisce immediatamente è la particolare impugnatura che mai avevo visto prima. Come si nota dall’immagine la forma consente tre diverse modalità nel posizionare la mano: area superiore, area centrale ed area posteriore.

 20131010_190403B

20131010_190306B

20131010_190523B

Personalmente ho trovato più adatta al mio stile l’impugnatura centrale anche se in alcune situazioni la posteriore può essere utile. La canna nei suoi 390 cm risulta molto ben bilanciata e soprattutto molto leggera. Escludendo le giapponesi di fascia superiore ed avendo potuto provare anche buona parte della gamma Tenkara USA personalmente ritengo questo modello superiore in termini di rapporto qualità-prezzo a quest’ultime senza nulla togliere alla qualità dei prodotti dell’intrepido Daniel. Con un peso di 72 grammi risulta addirittura più leggera della piccola IWANA 3,6 ( 76 grammi). In pesca l’azione 7:3 si nota immediatamente con un’ottima energia e reattività. Utilizzata con una level sia in versione 4.5 sia in versione 3.5 risulta precisa e rapida. Ho avuto la possibilità di testarla principalmente con i temoli ed ho notato che la reattività di questa canna può rendere maggiormente efficace la ferrata rispetto alle fulminee abboccate del temolo. Ovvio meglio non esagerare nell’energia portata in ferrata in quanto la rigidità della canna trasmetterebbe  un’eccesiva forza con il rischio di rompere il tippet oppure di far volare le piccole fario o i piccoli temoli ingannati dalle nostre imitazioni. Credo di poter affermare che questo modello possa essere adatto a molti novizi della tenkara. Questo perché spesso risulta traumatico e di difficile adattamento  il passaggio, sia per il PAM sia per chi proviene da altre tecniche, all’estrema morbidezza delle canne da tenkara. Potrebbe essere quindi un buon attrezzo per l’approccio alla tenkara (www.tenkaratimes.com).

20130908_074501

 

20130908_082610

1388566_348735628595770_783101442_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...