Ci siamo trasferiti su www.tenkarafriuli.it (check out new website www.tenkarafriuli.it)

E’ attivo il nuovo sito di Tenkara Friuli ASD. Veniti a trovarci!

Check out new website (www.tenkarafriuli.it)

Annunci

A.S.D. TENKARA FRIULI is born!

Con estremo orgoglio annuncio che oggi 18 Marzo 2016 nasce l’Associazione Sportiva Dilettantistica TENKARA FRIULI (in breve ASD Tenkara Friuli). Ciò rappresenta un sigillo fondamentale ad un’attività iniziata qualche anno fa, ricca di soddisfazioni che ha reso tale entità conosciuta sia in Italia sia a livello internazionale. In qualità di Presidente ringrazio tutti i collaboratori che hanno permesso il raggiungimento di questo obiettivo. Colori i quali fossero interessati a partecipare alle attività del club ci contattino via mail o facebook

ASD

Sakasa kebari borderline

Nel panorama della tecnica Tenkara capita spesso di imbattersi in artificiali dall’aspetto alquanto strano e bizzarro. Chi proviene dal mondo della pesca a mosca non può non storcere il naso di fronte a creazioni che non trovano alcun fondamento nei trattati di entomologia e men che meno se rapportati a ciò che accade in natura. Non conoscendo questa tecnica l’impatto con carnevalesche imitazioni fornisce un’errata interpretazione del concetto di Tenkara offrendo un’immagine distorta e poco seria.

keb3

keb2

Quando ho scoperto questa stupenda tecnica anche io ho iniziato a costruire “senza vincoli” avendo mal interpretato il fatto che non fosse necessario imitare alcun che e quindi si fosse di liberi di accostare colori e materiali alla rinfusa basandosi esclusivamente su un “gradevole” abbinamento di colori seppur rispettando la forma della mosca stessa.

Poi, una volta testate sul campo, mi sono reso conto che questo approccio non era molto gradito dai pesci che snobbavano regolarmente i miei artificiali.

Nonostante non sia necessario rispettare i rigidi parametri dettati dalle guide entomologiche, a mio parere, è necessario per lo meno ragionare in modo coerente sull’utilizzo dei colori sia del corpo sia delle hackle, nonché un minimo riferimento alle proporzioni .

Personalmente prediligo toni scuri che, espresso in termini di classificazione colori dei filati UNI Thread, spaziano tra il Camel, il Dark Brown e il Black.

Ciò che aggiungo (vedi TFA) sono piccoli hot spot allo scopo di incuriosire e attivare l’istinto predatorio dei pesci trattandosi per lo più di una pesca in caccia. Nel caso del filo UTC 140 denier Fluo Orange, filato dimostratosi molto efficace dal punto di vista attrattivo, se illuminato con una lampada UV (Deer Creek UV Lamp) sprigiona una luminosità incredibile.

Normale filo Uni Trhead

Normale filo Uni Trhead

UTC Fluo thread

UTC Fluo thread

Ragionando nella gamma della luce UV molto probabilmente, seppur immerso in acqua, quando viene colpito dai raggi solari crea un punto luce molto visibile anche in profondità facilitando l’individuazione dell’artificiale da parte del pesce. Si tratta di supposizioni ma, se dovessi basarmi sui risultati ottenuti, credo di aver correttamente interpretato la questione.

Per concludere, sperimentare è lecito ma evitando di oltrepassare la cosiddetta borderline del “buongusto”.

The demon is back!

Finalmente dopo l’esperienza in Valsesia, accompagnato dall’amico Matteo, ho potuto incontrare nuovamente il maestro Masami Sakakibara in occasione del raduno organizzato sul fiume Brembo a Branzi dal negozio Like a River Alps. Il maestro è sempre in splendida forma e appena ci incontriamo gli consegno il beretto di Tenkara Friuli come piccolo dono e gesto di stima nei suoi confornti.Il maestro non ci pensa due volte e, togliendosi immediatamente il beretto che portava addosso in quel momento, lo sostituisce con quello da me offertogli. Grande soddisfazione anche perchè lo indosserà poi per l’intera giornata.
La soddisfazione non ha mai fine nel momento in cui scopro di essere stato citato e rappresentato con due immagini nel suo libro. Mi era stato detto che solo il mio nome era stato riportato nei titoli di coda  (e già era tanto!) ma quando ho aperto il libro, che mi ha donato con dedica speciale, ho scoperto con mio grande stupore le immagini che mi raffigurano. La giornata era iniziata alla grande!

libroio 1io 2

Il meteo fortunatamente ha retto consentendoci di apprezzare al meglio la performance del maestro. Grande occasione anche per reincontrare vecchi amici (il Bracco Marco Biava e il Mazza, Francesco Chiminelli Cescone di Tenkarafly, Giovanni Anelli e l’amico Lorenzo e conoscere di persona alcuni membri del gruppo Facebook Tenkara Italy, grandi appassionati e simpatici pescatori.

giovanni e francesco

braccolorenzo

In torrente è l’apoteosi della tecnica: la mosca sembra animata sotto gli impulsi della canna del maestro e i pesci non resistono. Mi sono reso conto ancor di più della grandezza di Sakakibara, e riflettendo sul livello tecnico che ho raggiunto, mi sento al quinto gradino di una scalinata fatta di 100 gradini al termine della quale c’è il maestro che mi attende. Il percorso è lungo ma la tenacia non manca. Se il prossimo anno vorrà essere mio ospite in Friuli ne approfitterò per fare qualche gradino assieme a lui!
La mattina seguente, pronti per il rientro in terra friulana, ci siamo salutati e l’abbraccio del maestro è stato degno di uno dei famigliari più stretti. Ho sentito il calore e l’affetto del maestro e il desiderio di poterci reincontrare presto.

Il video che vi propongo di seguito è una testimonianza delle incredibili capacità che lo contraddistinguono. Facendo molta attenzione, potrete apprezzare l’enormità tecnica del maestro. Il video dura oltre 9 minuti ma non si tratta del solito montaggio finalizzato ad esaltare l’azione e le catture ma lo scopo è quello di evidenziare le tecniche di lancio, l’impugnatura della canna, la manipolazione della mosca, le pose plastiche assunte da Sakakibara e la capacità di muoversi in torrente in modo silenzioso e quasi invisibile. Grazie Maestro!!

Sakakibara copiaCliccate sull’immagine per accedere al video (click on above image to watch video) – HD version